L’eccesso di autoreferenzialità fa perdere l’obiettivo

Autoreferenzialità e distrazioni varie un mix perfetto.

Cari amici da mesi continuiamo a denunciare l’autoreferenzialità e la perdita di concentrazione in cui è caduta l’attuale Amministrazione Comunale, sulla scorta delle quotidiane segnalazioni.

Se tanti cittadini delle frazioni ci assicurano che è sempre stato così fin dall’inizio del mandato noi aggiungiamo che abitualmente si sprecano anche tante parole, grandi celebrazioni e pochi risultati, mentre le difficoltà peggiorano.

La quotidiana autoreferenzialità e l’insussistenza delle promesse elettorali, trova inoltre costante conferma anche nell’ultimo Qui San Vito appena recapitato ai Sanvitesi. Ci si lancia in sperticate lodi, in grandi risultati ma la realtà ineludibile rimane.

Le frazioni sono infatti abbandonate, Gleris l’ultimo esempio, la viabilità è affidata alla fantasia degli altri ed il commercio aspetta la mazzata finale.

Per brevità ci fermiamo qui ma se qualcuno vuole approfondire, i nostri articoli sono ricchi di contributi estremamente significativi.

Ma quali dovrebbero essere gli impegni?

La risposta è semplice: il benessere di tutto il territorio e di tutti i suoi tanti cittadini. Eppure se le frazioni sono abbandonate, i problemi dei cittadini in difficoltà economica rimangono come la disattenzione verso la sicurezza, gli anziani, il degrado, ecc.

Nonostante le tante promesse  fatte dal Sindaco in campagna elettorale.

Il futuro lo decideranno quelli con la memoria più lunga e quelli che vorranno dimostrare di voler bene veramente al posto in cui vivono, ogni giorno.

Il video rimarrà una tangibile dimostrazione.

Cari amici e cittadini Sanvitesi il nostro impegno non scenderà mai. Questo video ci aiuterà inoltre a mantenere alto il ricordo di tutto ciò che dununciamo e facciamo per il benessere di San Vito al Tagliamento.

Vi ricordiamo che le elezioni per alcuni stanno già iniziando.

Come indicato in tanti nostri articoli precedenti le attività, gli accordi pre-elettorali per alcune forze in grande difficoltà sono già iniziati. Assisteremo inoltre anche a tentativi di depistaggio per bruciare qualche candidato non gradito all’interno dello stesso gruppo di comando di qualche forza politica. Assisteremo forse ad altri accordi trasversali poco naturali sul piano formale. Ma assisteremo anche al continuo interesse del Sindaco per argomenti che nulla hanno a che fare con la gestione del Comune.

Il disinteresse, come andiamo costantemente ripetendo, è una scelta particolarmente cara all’attuale Amministrazione Comunale perché, come abbiamo già spiegato, l’assenza di impegno è fonte di grande stanchezza.

Nel frattempo il commercio a San Vito muore, le frazioni rimangono abbandonate e nessuno pensa ai disagi dei cittadini.

UNISCITI A NOI

Se vuoi partecipare attivamente alla vita politica di San Vito e vuoi contribuire concretamente al benessere del nostro meraviglioso Comune unisciti a noi.

RSS Messaggero Veneto

RSS Corriere della Sera

RSS Il Sole 24 Ore

  • Caos governo su Ilva: ok a ordine del giorno per la chiusura, poi ritirato da M5S 21 Giugno 2019
    Maggioranza nel caos sull’Ilva. Dall’Aula di Montecitorio, dove si sta chiudendo in questi minuti la votazione del decreto crescita, arriva una clamorosa contraddizione, a certificare...
  • Padoan: «Se l’Europa non cambia passo è destinata a soccombere» 21 Giugno 2019
    C'è una “parola chiave” che più di ogni altra è in grado di fotografare l'attuale situazione sul fronte interno e internazionale: incertezza. L’ex ministro dell’Economia e attuale deputato del Pd ricorre a Keynes che indagò sulle conseguenze economiche dell'incertezza. La politica può attenuarne o limitarne gli effetti, oppure amplificarli a seconda delle decisioni che vengono […]
  • Bankitalia, la proposta di M5s e Lega: nomine del direttorio ripartite tra Cdm e Camere 21 Giugno 2019
    Una modifica dei criteri di nomina del direttorio della Banca d’Italia, prevedendo - come avviene anche nella Bundesbank - che le nomine vengano fatte in parte dal Consiglio dei Ministri e in parte dalla Camera e dal Senato. È la principale novità prevista dal disegno di legge “Modifiche dello statuto e degli organi della Banca […]

Share This